Daniel Pettrow​

A Dialogue on Acting and Performance

with Philip Auslander

A Meditation on Them Black Bodies:

The Movement Language of T. Lang

 by Opal Moore

PosterPG 12.jpg

Poster for Il Mondo Di Riccardo

IMG_6636 Peretti G.JPG

Production photo courtesy Kublai Film

 The World of Riccardo: Domenico Riccardo Peretti Griva,

Photographer and Magistrate

A dialogue with Director Daniele Frison and Giuseppe Gavazza  

peretti vce.tiff

Photo: Domenico Riccardo Peretti Griva

Since the early 1980s, Daniele Frison has been involved in photographic experimentation and social photography. His photographic documentaries have been exhibited in Italian photography galleries, such as Il Diaframma in Milan, and published in photographic magazines. He is also further professionally active in the world of art and communication, creating images for Italian as well as foreign artists. Since 2000, he has expanded his forms of expression by producing and realizing documentary films about contemporary art and music, many of which incorporate themes related to history and  society and its transformations, and screened in many film festivals.

The World of Riccardo: Domenico Riccardo Peretti Griva, Photographer and Magistrate is a portrait of a rich, multifaceted, and extraordinarily human personality who combined the love of artistic beauty, expressed through photography, with the moral rigor of a magistrate. Domenico Riccardo Peretti Griva, (Coassolo Torinese 1882 - Turin 1962), magistrate and photographer of international renown, anti-fascist, defender of civil rights and convinced Europeanist, is brought to life in this documentary by his niece Giovanna Galante Garrone, and by magistrates, legal historians and photographers who knew and studied him. It is a journey through the atmosphere of the first half of the twentieth century, rich in creative ferment, but also in immense dramas—a journey from the beginning of the twentieth century to the 1950s, narrated through his numerous photographs from his beloved mountain valleys near Turin, the city where he lived and worked. Italy's first Italian capital  was becoming, just in those years, a great industrial city-to places as far away as Holland, Lebanon, India, Greece, and China.

 

"Don't praise me with a sentence, praise me with a photograph," Domenico Riccardo Peretti Griva loved to say.

—Giuseppe Gavazza

Please scroll down to read the original Italian

IMG_4598 Peretti G (1).JPG

Production photo courtesy Kublai Film

Giuseppe Gavazza: I saw your documentary Il Mondo di Riccardo: Domenico Riccardo Peretti Griva, Fotografo e Magistrato (The World of Riccardo: Riccardo Peretti Griva, Photographer and Magistrate) and I was intrigued and attracted by the relationship between two "professions" as different as magistrate and photographer.

 

My first question is therefore twofold: Why Peretti Griva? How are the magistrate and the photographer integrated in his life?

 

Daniele Frison: I have always been concerned, as a photographer and as a documentary filmmaker, with art and society and the interactions between them. In Peretti Griva, I saw the personification of these interests.

 

On the one hand, the man was committed to the social system, and on the other hand, the artist passionately dedicated himself to the art of photography so as to be recognized as one of the international protagonists of his time. I decided to take on this “challenge” after admiring the extraordinary beauty of his photographs printed on drawing paper, wonderful to touch for their materiality. Characterized by a mystery that they bring with them, the perceptive indefiniteness, the trompe-l'oeil that leaves you wondering whether to consider them photographs, charcoal drawings, or engravings.

 

Peretti Griva echoes the lesson of the great practitioners of artistic photography between the end of the nineteenth and the beginning of the twentieth century, whose first experimenters were the Americans Alfred Stieglitz, Edward Steichen, Alvin Langdon Coburn, the Frenchmen Robert Demachy and Léonard Misonne, and the poetic Englishman Frank Meadow Sutcliffe, who photographed Whitby in North Yorkshire. Peretti Griva also photographed his native Coassolo, the hills, the natural and human landscape surrounding Turin, the city where he worked as a magistrate for most of his life.

 

His photos are characterized by research and expressive freedom that went well beyond the then-current understanding of photography, wrongly considered to be a mechanical representation of reality. These masters, through their experiments and personal testimony, opposed the global phenomenon of the mass diffusion of photography and its industrial standardization, initially launched by George Eastman, founder of Kodak, in 1888 with the slogan "You press the button, we do the rest.”

162006 Peretti G (1).jpg

Production photo courtesy Kublai Film

GG: Reading what you wrote to me, I immediately underlined and jotted down this very slogan. I respond with a statement I often quote, from Morton Feldman, one of the composers I most love and who has most influenced me:

 

"For me, history is women and men who work and strive with determination: they write novels and novellas, paint pictures, compose music. This is history: work, sacrifice, energy, learning and making art with the devotion of the mystics of past centuries. And what civilization is: either one invents or one dies." (Personal translation from Italian)  Morton Feldman, interview in Musica Realtà n.19 April 1986.

 

Invent or die: just the opposite of "You push the button, we do the rest."

 

An overwhelming theme: that of art in the era not merely of its technical reproducibility, but by now of its "technical producibility," bringing together the infinite reproducibility of the digital world that leads to a loss of meaning of the very concept of the "original" (the "aura" of which Walter Benjamin wrote) and the "creative" potential of so-called Artificial Intelligence.

 

I have excerpted some key phrases from your sentence:

mass diffusion,

industrial standardization,

slogan.

 

These, as well as that peremptory "You push the button, we do the rest," remind me of “Libertà Obbligatoria” (“Obligatory Freedom,” a well-known song by Italian songwriter Giorgio Gaber), and make me think of the worrying drift of new-media-related functional analphabetism to which Kodak's slogan applies perfectly, on a global scale. Perhaps the imperative "You click, we'll take care of the rest." has never been more true.

 

DF: Yes, Giuseppe, widening the concept, we can observe how much the re-creative industry has always focused on photography as a mass medium of immediate self-gratification. More or less the same slogans used at the time are repeated now to increase the sales of cell phones, since they have been equipped with a photographic sensor and one or more lenses, and of course the same happened/is happening for cameras.

 

The idea of automation, a micro artificial intelligence that solves all the difficulties and leads to a gratifying result, leads to the gap between the values of immediacy, precision, simplification vs. meditation, indeterminacy, complexity on which men and women must strive to achieve some result. In this sense I find your reference to Morton Feldman very interesting. The more we rely on technology the more the paradigms you propose are implemented —Artificial Intelligence and Virtual Reality - Artificial Reality/Virtual Intelligence, concepts a lot of the entertainment industry, but also the art world (e.g., the NFT) are promoting as if they constitute a new Eldorado.

 

Another theme, on which we have based an important part of the film, is that of autonomy, independence, and image of the magistrate. Today, it has greatly deteriorated. A recent survey published in the daily newspaper Corriere della Sera, shows that in the last twelve years, the level of trust of Italians in the judiciary has gone from 68% to 32%, compromising the very figure of the magistrate. It is interesting in this context to explore the identity of a judge who gave so much importance to the dignity and nobility of the judicial function.

4+ Peretti G (1).jpg
df 1 copy.jpg

Film Still from The World of Riccardo: Domenico Riccardo Peretti Griva and his photograph 

GG: Of course, the complexity of Peretti Griva lies precisely in the fact that he was the interpreter and protagonist of two worlds that are apparently distant, such as his commitment to the judiciary, which had strong social and political implications, and to photography, apparently a passion useful to "take a break" from his heavy workload, a recreation. But his having chosen artistic photography seems to me significant in order to evaluate how much, in reality, the images he has given us are not only abstract art and far from the commitment of a judge, but an integration of it. I am thinking, for example, of what caught me when I first saw the documentary—photography as a return to the mountain valleys (the countryside and nature as opposed to the city) and his predilection for a photographic technique that is not only aesthetically characterized (Pictorialism) but also marked by a complexity of realization that certainly does not suit a "pastime." In short, Peretti Griva is an acknowledged master of the rare and difficult technique of "bromoil transfer." Not to mention the photographs of travels around the world, in years when this was not so usual. 

 

DF: Of major interest to me was the Peretti Griva prototype of the modern man. We are at the beginning of the twentieth century—he carried out his professional work with passion, energy and sacrifice, but at the same time “devoted” himself (taking up your quotation from Feldman, it was a question of “devotion”) to a “recreational and amateur” activity which, in the search for moments of detachment from the hard tension of work, led him to be anything but an amateur in the usual or superficial sense of the term, but a dabbler amateur because he put love into dabbling in being a photographer. A novelty in the modern division between working life and “free time” in which one complements the other. 

 

His poetics speak to us of the human and of a perspective that is always attentive to this aspect of his contacts with the people he met along his path, to whom he dedicated a photograph from time to time, a thought translated into the titles of his photographs. 

 

I also found this attitude when I dealt with the magistrate. His actions and interests were always directed to the person, to the human side, to its difficulties, to its dramas. Even his aversion to power during the twenty years of Fascism did not arise from politics, but rather from a concern with the protection of the dignity of people and their rights. I would like to recall one of his statements: "True justice cannot exist without freedom, one nourishes the other. And magistrates must first of all pursue and defend freedom, for themselves and for others." 

mondo 99.jpeg

Photo: Domenico Riccardo Peretti Griva

To see the film with English subtitles it is on the  the ITSART website.

frison.jpg

Daniele Frison lives in Venice, Italy. He trained in the analysis of the image and its implications in communicating with Italo Zannier, Angelo Schwartz and Ando Gilardi. He is a documentary director, producer and photographer. From the early 2000s he devoted himself to documentary, collaborating with Italian and foreign artists and musicians. Between 2013 and 2015 he contributed, as a teacher, to the Master in Film production & Location management at the Ca 'Foscari University of Venice. 

Gavazza-Desk2_.jpg

Giuseppe Gavazza, a graduate of the University of Turin, is a composer, sound-artist, teacher and researcher. He studied composition, direction, piano, musicology and electronic music and graduated from the Conservatory of Milan. He collaborates with European research centres; since 1999 he is resident composer at ACROE-ICA, Grenoble where he obtained his PhD, is Permanent Researcher at AAU-CRESSON, Grenoble and teaches at Cuneo Music Conservatory.

02.jpeg

Daniele Frison, dai primi anni ottanta si occupa di sperimentazione fotografica e di fotografia sociale. I suoi documentari fotografici sono stati esposti nelle gallerie di riferimento per la fotografia italiana, come Il Diaframma di Milano e pubblicati nelle riviste fotografiche. A questo affianca un’attività professionale nel mondo dell’arte e della comunicazione, realizzando immagini per artisti italiani e stranieri. Dal 2000 allarga le proprie possibilità espressive producendo e realizzando film documentari sull’arte e la musica contemporanea; molti di questi intrecciano tematiche legate alla storia, alla società e alle sue trasformazioni, sono proiettati in molti film festival e rassegne cinematografiche.

 

Il Mondo di Riccardo. Domenico Riccardo Peretti Griva. Fotografo e Magistrato” é un film che racconta la vicenda umana e artistica di una personalità, ricca, poliedrica e di straordinaria umanità che ha unito in sé l’amore per la bellezza artistica, espressa attraverso la fotografia, al rigore morale del magistrato.


Domenico Riccardo Peretti Griva, (Coassolo Torinese 1882 - Torino 1962), magistrato e fotografo di fama internazionale, antifascista, difensore dei diritti civili e convinto europeista in questo documentario è raccontato dalla nipote Giovanna Galante Garrone, da magistrati, storici del diritto e della fotografia che lo hanno conosciuto e studiato: un viaggio nelle atmosfere della prima metà del Novecento ricche di fermenti creativi, ma anche di immensi drammi.


Un percorso, dai primi del Novecento agli anni Cinquanta, raccontato attraverso le sue numerosissime fotografie: dalle amate vallate montane vicino a Torino, prima capitale italiana, città in cui visse e operò, e che stava divenendo, proprio in quegli anni, grande città industriale fino a luoghi lontani come il Nord Europa, il Libano, l’ India, la Grecia, la Cina.

 

“Non lodatemi una sentenza, lodatemi una fotografia” amava ripetere il magistrato Domenico Riccardo Peretti Griva.

--Giuseppe Gavazza

 

Giuseppe Gavazza: Ciao Daniele, ho visto il bel documentario incuriosito ed attratto dal rapporto tra due “mestieri” così diversi come il magistrato ed il fotografo. La prima domanda è quindi doppia: Perché Peretti Griva? In che modo magistrato e fotografo si integrano nel suo vivere?

 

Daniele Frison: Mi sono sempre occupato, come fotografo e come documentarista, di arte e società e delle interazioni tra di esse. In Peretti Griva ho visto la personificazione di questi miei interessi.

Da un parte l’uomo impegnato nel sistema sociale e dall’altra l’artista che con passione si è dedicato all’arte fotografica, tanto da essere riconosciuto come uno dei protagonisti internazionali del tempo.

Ho deciso di affrontare questa ‘sfida’ dopo aver ammirato la straordinaria bellezza delle sue fotografie stampate su carta da disegno, meravigliose da toccare per la loro matericità. Caratterizzate da un mistero che portano con sé, l'indefinitezza percettiva, il trompe-l'oeil che lascia interdetti se considerarle delle fotografie, dei carboncini o delle incisioni.

In Peretti Griva riecheggia la lezione dei grandi protagonisti della fotografia artistica tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento, che ha avuto i primi sperimentatori negli americani Alfred Stieglitz, Edward Steichen, Alvin Langdon Coburn, nei francesi Robert Demachy, Léonard Misonne, o nella poetica dell'inglese Frank Meadow Sutcliffe, che fotografò nel corso della sua vita Whitby nel North Yorkshire. Anche Peretti Griva fotografò la natia Coassolo, le colline torinesi, il paesaggio naturale e umano che circonda Torino, città in cui esercitò l’attività di Magistrato per gran parte della sua vita. Le sue straordinarie capacità intellettuali e organizzative lo avevano portato a  raggiungere la carica di Primo Presidente della Corte d'Appello di Torino, capo della Resistenza al fascismo dei magistrati piemontesi, tra i primi magistrati a introdurre l'annullamento del matrimonio in Italia. Un magistrato davvero importante nei primi anni Cinquanta del Novecento. 

Le sue foto sono caratterizzate dalla ricerca e dalla libertà espressiva che andava oltre gli schemi della fotografia considerata, già allora e a torto, meccanica rappresentazione della realtà. Questi Maestri, con i loro esperimenti e con la loro testimonianza personale, si opposero al fenomeno globale della diffusione di massa della fotografia e della sua standardizzazione industriale, inizialmente lanciata da George Eastman, fondatore della Kodak, nel 1888 con lo slogan "Voi premete il pulsante, noi facciamo il resto".

 

GG: Leggendo quanto mi scrivi, subito ho sottolineato e annotato proprio questo slogan e rispondo con una frase che cito spesso di Morton Feldman uno dei compositori che più amo e che più mi hanno influenzato:

"Per me la storia sono donne e uomini che lavorano e si impegnano con determinazione: scrivono romanzi e novelle, dipingono quadri, compongono musica. Questa é la storia: il lavoro,il sacrificio, l'energia, apprendere e fare l'arte con la dedizione della mistica dei secoli passati. E che cosa é la civiltà: o uno inventa o muore.” 

Inventare o morire: proprio il contrario di “Voi premete il pulsante, noi facciamo il resto”.

Un tema enorme: quello dell’arte nell’era non solo della sua riproducibilità tecnica, ma ormai della sua "producibilità tecnica", mettendo insieme l'infinita riproducibilità del digitale che fa perdere senso allo stesso concetto di “originale” (l'“aura” di cui scriveva, appunto, Walter Benjamin) e le potenzialità “creative” della cosiddetta Intelligenza Artificiale.

 

Dalla tua frase stralcio:

diffusione di massa

standardizzazione industriale

slogan

 

che aggiungendosi a quel perentorio “Voi premete il pulsante, noi facciamo il resto”, mi ricordano la Libertà Obbligatoria di Giorgio Gaber e mi fanno pensare alla preoccupante deriva di analfabetismo funzionale legato ai nuovi media alla quale lo slogan di Kodak si presta perfettamente, su scala, di fatto, globale. Forse mai come ora vale l’imperativo “Voi fate click, noi pensiamo al resto”

 

DF: Si, Giuseppe, allargando il concetto potremmo arrivare alla constatazione di quanto l'industria del settore ri-creativo abbia posto l'attenzione da sempre sulla fotografia quale mezzo di massa di auto gratificazione immediata. Più o meno gli stessi slogan usati al tempo vengono ripetuti per aumentare le vendite dei cellulari, da quando sono stati dotati di un sensore fotografico e di uno o più obiettivi e naturalmente lo stesso avveniva/avviene per le fotocamere.

L'idea dell'automazione, una micro intelligenza artificiale che risolva tutte le difficoltà e faccia arrivare ad un risultato gratificante, porta alla divaricazione tra i valori di immediatezza, precisione, semplificazione vs meditazione, indeterminatezza, complessità su cui uomini e donne devono impegnarsi per raggiungere un qualche risultato. Molto interessante il tuo link a Morton Feldman.

Più ci affidiamo alla tecnologia più si attuano i paradigmi da te proposti: Intelligenza Artificiale e Realtà Virtuale - Realtà Artificiale / Intelligenza Virtuale, concetti sui quali si sta muovendo, come in un nuovo Eldorado, molta industria dell'intrattenimento, ma anche del mondo dell’arte (es. gli NFT)

Altro tema, sul quale abbiamo basato una parte rilevante del film è l’autonomia, l’indipendenza e l’immagine del magistrato. Se oggi è così deteriorata in Italia - in un recente sondaggio pubblicato sul quotidiano il Corriere della Sera, negli ultimi dodici anni il livello di fiducia degli italiani nei confronti della magistratura è passato dal 68% al 32%, compromettendo la stessa figura dei magistrati - è interessante raccontare l'identità di un giudice che tanta importanza dava alla dignità e nobiltà della funzione giudiziaria.

 

GG: certo, la complessità di Peretti Griva è proprio in questo essere stato interprete e protagonista di due mondi apparentemente distanti come l’impegno nella magistratura, che ha significato forti implicazioni sociali e politiche, e la fotografia: apparentemente una passione utile a “staccare” dall’impegno gravoso del lavoro, un passatempo. Ma avere scelto la fotografia artistica mi pare significativo per valutare quanto, in realtà, le immagini che ci ha consegnato non siano solo arte astratta e lontana dall’impegno di giudice, ma una sua integrazione. Penso ad esempio a quanto mi ha colpito alla prima visione del documentario: la fotografia come ritorno alle valli montane di origine (la campagna e la natura contrapposta alla città) e la sua predilezione per una tecnica fotografica non solo caratterizzata esteticamente (il Pittorialismo) ma anche segnata da una complessità di realizzazione che certo non si addice ad un “passatempo”. Peretti Griva, insomma come Maestro riconosciuto della tecnica rara e difficile del “bromolio-trasferto”. Per non parlare delle fotografie di viaggio in tutto il mondo, in anni in cui non era così consueto.

 

DF: di grande interesse é stato, per me, il Peretti Griva prototipo dell’uomo moderno. Siamo agli inizi del Novecento: svolge con passione, energia e sacrificio il suo lavoro professionale, ma allo stesso tempo si dedica (riprendendo la tua citazione di Feldman, si trattava di dedizione) ad un’attività ‘ludica e dilettantistica’ che, alla ricerca di momenti di distacco dalla dura tensione dell’attività lavorativa, lo hanno portato ad essere tutto fuorché un dilettante nel senso corrente o corrivo del termine: ma ‘amatore dilettante’ perché ci metteva amore nel dilettarsi ad essere fotografo. Un novità nella moderna divisione tra vita lavorativa e ‘tempo libero’ in cui una integra l’altra.

La sua poetica ci parla dell’umano e di una ricerca sempre attenta a questi aspetti, del contatto con le persone che ha incontrato nel suo cammino, alle quali dedica di volta in volta una fotografia, un pensiero, tradotto poi nei titoli delle sue fotografie.

Una atteggiamento che ho ritrovato quando mi sono occupato del magistrato. La sua azione e il suo interesse sono sempre stati rivolti alla persona, alla parte umana, alle sue difficoltà, ai suoi drammi. Anche la sua avversione al potere durante il ventennio fascista, non ha un'impronta politica ma di salvaguardia della dignità delle persone e dei loro diritti. Vorrei ricordare una sua frase: “Vera giustizia non ci può essere senza libertà, l’una nutre l’altra. E i magistrati debbono prima di tutto perseguire e difendere per se e per gli altri la libertà.”

 

gg df.jpeg

Giuseppe Gavazza and Daniele Frison, photo: Deanna Sirlin

Daniele Frison vive a Venezia, si forma all’analisi dell’immagine e alle sue implicazioni nella comunicazione con Italo Zannier, Angelo Schwartz e Ando Gilardi. E’ regista documentarista, produttore e fotografo. Dai primi anni Duemila si dedica al documentario collaborando con artisti e musicisti italiani e stranieri. Tra il 2013 e il 2015 ha contribuito, come insegnante, al Master in Film production & Location management all'Università Ca’ Foscari di Venezia. 

Giuseppe Gavazza, laureato all'Università di Torino, è compositore, sound-artist, insegnante e ricercatore. Ha studiato composizione, direzione di coro, pianoforte, musicologia e musica elettronica e si è diplomato al Conservatorio di Milano. Collabora con centri di ricerca europei; dal 1999 è compositore residente presso l'ACROE-ICA di Grenoble dove ha conseguito il dottorato di ricerca, è ricercatore permanente presso l'AAU-CRESSON di Grenoble e insegna al Conservatorio di Musica di Cuneo